Il 2010 di AlterGeo


Le scimmiette aiutanti per le statistiche a WordPress.com hanno lavorato su come questo blog si è comportato nel 2010, e qui appresso c’è una sintesi di alto livello della sua salute complessiva:

Healthy blog!

Il Blog-Health-o-Meter™ dice: Questo blog è in fiamme!.

Un po’ di numeri…

Featured image

Un jet Boeing 747-400 può ospitare 416 passeggeri. Questo blog è stato visitato circa 5.700 volte nel 2010. Si tratta di circa 14 Boeing 747 completi.

Nel 2010, ci sono stati 13 nuovi articoli, facendo crescere l’archivio totale di questo blog a 19 post. Sono state caricate 13 immagini, occupando un totale di 2MB. Circa una foto al mese.

Il giorno più intenso dell’anno è stato il 2 febbraio con 95 visite al blog. L’articolo più popolare è stato La mappa che cambiò il mondo.

Da dove sono arrivati tutti?

I siti di riferimento principali nel 2010 sono stati blog.spaziogis.it, freegis-italia.org, planet.osgeo.org, e esridipendente.it.

Alcuni visitatori sono arrivati qui soprattutto alla ricerca di pizzomunno, don chisciotte e i mulini a vento, geologia regionale, pulo altamura, e geositi puglia.

Le attrazioni del 2010

Questi sono i post e le pagine che hanno ottenuto il maggior numero di visualizzazioni nel 2010.

1

La mappa che cambiò il mondo Febbraio 2010
8 commenti

2

Verso la tutela delle acque in Puglia Settembre 2009
16 commenti

3

Geologia Regionale dell’Italia meridionale Marzo 2010
2 commenti

4

Chi ha paura dell’eolico? Maggio 2010
7 commenti

5

Il futuro geologico della Puglia Dicembre 2009
4 commenti

Annunci

Cominciamo col presentarci…


L’idea di aprire un blog che parlasse di Geologia in maniera “alternativa” nella nostra Puglia (ma non solo ovviamente), non è certo motivata dalla velleità di saperne più di altri, anzi è proprio il contrario. Dall’esperienza con colleghi, chiacchierate con amici che condividono interessi geologici o naturalistici è venuta più volte fuori la necessità di trovare un luogo “permanente” nel quale discutere di idee, spunti di riflessione, progetti, tutti nati nell’ambito non tanto della nostra professione quanto nella consapevolezza che la Geologia non è solo un lavoro, una scienza (nemmeno esatta, visto che il geologo è improvvisatore di natura), quanto un modo per conoscere meglio il nostro territorio, la nostra storia, per cercare di guardarci attorno anche sapendo cosa abbiamo sotto i nostri piedi, leggere il paesaggio senza dimenticare che la sua storia viene da lontano… molto lontano. AlterGeo vuole essere questo luogo.